Fratelli d'Italia Buon Natale

Da TriestePrima.it del 31 marzo 2018

«In Italia una famiglia su dieci non si può permettere le festività. Come ogni anno Fratelli d’Italia organizza una raccolta di generi alimentari per le famiglie italiane in difficoltà. Ormai in città la povertà degli italiani non fa notizia, e questo deve cambiare». Lo ha dichiarato Claudio Giacomelli, candidato alle regionali del 29 aprile per Fratelli d’Italia durante la raccolta alimentare “Regala una Pasqua felice a una famiglia italiana», promossa proprio dal partito. Da sempre in strada con la gente, questa è l’ennesima raccolta destinata alle famiglie italiane in difficoltà. Un impegno che non si ferma qui, infatti, come precedentemente annunciato da Giacomelli, lo sportello di Fratelli d’Italia a servizio dei cittadini, continua la sua attività anche in campagna elettorale.

«Ricordiamo che il ricavato di questa raccolta viene consegnato alle associazioni in forma anonima, chi riceverà gli aiuti non saprà che provengono da Fratelli d’Italia» ha specificato Giacomelli.

«Ci sono due modi di fare le cose: con le grandi promesse e le mance a poche settimane dal voto, o con i piccoli gesti quotidiani.
Piccoli gesti quotidiani come quello di Fratelli d’Italia, che oggi è scesa in piazza per raccogliere generi alimentari da destinare alle nostre famiglie in difficoltà. Un’azione nobile che si rinnova da anni, senza misurarsi sull’orologio delle scadenze elettorali.
A loro va il mio ringraziamento». Ha commentato il candidato presidente del centrodestra per il Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga (Lega) che ha contribuito alla realizzazione dell’iniziativa.

Presente anche il candidato in lista Fratelli d’Italia, Salvatore Porro che ha aggiunto: «Come sapete, combatto da anni per la difesa della famiglia e delle tradizioni. Mi associo quindi al dolore lanciato dalla Cei attraverso gli organi di stampa a proposito della Santa Pasqua. Celebrata e onorata in più religioni e diversi paesi, questa festività sta perdendo la sua importanza in Italia. Come cattolico mi sento in dovere di difendere quei principi non negoziabili che erano cari a papa Giovanni Paolo II».

Questa è la terza edizione della raccolta alimentare e segue quella di San Nicolò e Natale, dove anche quest’anno si è vista presente la grandissima generosità dei triestini.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *