Fratelli d'Italia Buon Natale

Da UdineToday del 9 ottobre 2018

Il capogruppo di Fratelli d’Italia/An in Consiglio regionale, Claudio Giacomelli, ha presentato un’interrogazione a risposta immediata alla Giunta per chiarire i disservizi legati al Numero unico di emergenza (Nue) 112.

Il consigliere fa riferimento a un episodio di cronaca, avvenuto il 7 ottobre scorso, nel quale, a seguito di un incendio, un’anziana ha perso la vita. In quel frangente, la segnalazione
giunta alla centrale del Nue è stata diramata alle autorità competenti però con un indirizzo sbagliato. Ciò ha ritardato l’arrivo dei soccorsi, inviati dalla parte opposta della città.  “Il fatto che a gestire le emergenze sia una centrale unica a Palmanova – scrive Giacomelli – può causare incomprensioni, poiché è improbabile che gli operatori possano conoscere l’intero
territorio regionale. Un’altra criticità riscontrata è legata alla tempestività dei soccorsi, ritardata dal dover raccontare due volte le dinamiche degli eventi, prima al Nue e poi agli operatori delle Forze dell’ordine o ai vigili del fuoco”.  

L’istituzione del Nue 112, prevista da una delibera dell’Unione europea, la 91/396/CEE, impegna gli Stati membri ad attivare il numero unico europeo però, fa notare Giacomelli, “la delibera non impone agli Stati di sostituire i numeri nazionali, bensì di attivare il Nue 112 parallelamente a quelli già attivi, come avviene con il 118, appunto ancora operativo”. Perciò il consiglere chiede alla Giunta di “mobilitarsi per riattivare le precedenti numerazioni nazionali, pur mantenendo il Nue 112, con lo scopo di risolvere almeno in parte i disservizi”.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *